Paghetta settimanale, sì o no?

paghetta lavori casa

 

Da qualche settimana abbiamo deciso di dare una paghetta ai nostri bimbi.

Ogni volta la cifra cambia, perché sono loro a doversela guadagnare.

Insieme, abbiamo assegnato a ogni lavoretto di casa un controvalore (nulla di eclatante, eh) e ora sono liberi di decidere quanti e quali fare ogni giorno.

Poi, lascerò loro la possibilità di scegliere come spendere questi soldini.

Mi piacerebbe che ciò insegnasse loro a apprezzare il valore del denaro e la gioia di una conquista ottenuta con il sudore della propria fronte.

Allo stesso tempo, vorrei però che imparassero a aiutare in casa non solo perché “pagati”.

Per questo, dopo ogni loro lavoretto faccio sempre notare quanto sia bello e importante quanto hanno fatto: in una camera ordinata ritrovano le loro cose, in un soggiorno con il pavimento sgombero possono giocare più liberamente, se mi aiutano a sparecchiare io finisco prima e ho più tempo per stare con loro, ecc.

Credevo che dopo pochi giorni avrebbero perso l’entusiasmo; invece, sembrano non voler cedere, soprattutto mio figlio maggiore, che fa ordine pensando con occhi sognanti alla nuova confezione di Lego che desidera con tutto il cuore.