Cambiare abitudini: perché è così difficile?

È facile dire “da domani cambio abitudini”.

Da domani ci piacerebbe fare attività fisica, trovare più tempo per leggere, tenere la casa sempre pulita e in ordine, prenderci più cura di noi stesse,…

Sono tanti buoni propositi che durano inevitabilmente da un minimo di pochi giorni ad un massimo di pochi mesi.

Perché? Perché è così difficile far diventare nostra una nuova abitudine?

I motivi sono tanti. Uno di questi è che cadiamo in qualche trappola mentale, che ci fa pensare che sia più semplice di ciò che in realtà è.

Guardiamo la nostra vicina di casa che tutte le mattine si alza alle 6 per andare a correre. La vediamo tornare soddisfatta e ripartire poi carica per andare al lavoro. Invidiamo il suo fisico atletico, nonostante non si tiri mai indietro quando è ora di sedersi a tavola. Vorremmo essere come lei quando porta le borse della spesa su per 4 rampe di scale senza avere il fiatone.

A questo punto pensiamo “Se è tutto così bello, da domani lo faccio anch’io!”. Ed è soltanto quando lo viviamo sulla nostra pelle che scopriamo che alzarsi prima dell’alba è faticoso, che ci sono giorni in cui piove, che le salite tagliano il fiato e le discese segano le ginocchia.

Acquisire una nuova abitudine non è una passeggiata. Dobbiamo partire già consapevoli dell’idea che sarà un percorso tortuoso, in cui dovremo affrontare alti e bassi. La carica motivazionale iniziale ad un certo punto calerà e gli ostacoli lungo il cammino saranno sempre più duri da affrontare.

Credo che la chiave per riuscirci stia nel capire che se vogliamo raggiungere un traguardo nella nostra vita non dobbiamo accontentarci della gratificazione immediata (ad esempio starcene a letto fino a tardi a oziare), ma puntare ad un piacere ed un benessere che sono sì più lontani, ma mille volte più appaganti (una vita sana ed un fisico in salute).

Non è facile, me ne rendo conto, ma averlo capito, per me, è già un grande passo avanti. ^_^

3 thoughts on “Cambiare abitudini: perché è così difficile?

  1. Secondo me cambiare abitudini è difficile perché se abbiamo abitudini diverse un motivo ci sarà. Le abitudini che abbiamo sono probabilmente quelle che seguono il nostro modo di essere, che seguono i ritmi che ci fanno stare meglio. Magari la vicina di casa che esce a correre alle 6 di mattina prova un grande piacere ad andarsene a dormire alle 8 di sera, biologicamente è una mattiniera che magari vorrebbe acquisire l’abitudine a sedersi sul divano la sera e condividere la visione di un film con la famiglia senza addormentarsi dopo dieci minuti, ma non ci riesce proprio. E’ anche vero che l’attività fisica, correre, camminare ecc. produce endorfine che fanno stare così bene che dopo un po’ non puoi più fare a meno di farlo, è come una droga. Per il resto, ci sono persone che perseguono tenacemente l’acquisizione di abitudini che con la fustigazione hanno la sola differenza di non lasciare segni visibili…… ma allora dovrebbero darsi un’occhiata dentro e capire perchè provino piacere a fustigarsi 😦

    Mi piace

  2. Come mi è piaciuto questo articolo 😉 Sono proprio d’accordo. Dare inizio al cambiamento non è mai facile, ma una volta iniziato e fatto nostro a piccoli passi costanti, regala una bella soddisfazione: il piacere di una giusta ricompensa, ben guadagnata, è impagabile!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...