2 ostacoli da superare per diventare organizzati

Chi è stanco di una vita allo sbaraglio e vorrebbe diventare più organizzato deve superare 2 tipi di problematiche:

  • questioni di tipo pratico/tecnico: ossia, capire come organizzare meglio gli spazi con cassetti e divisori, munirsi di un’agenda e di un timer, ecc.
  • questioni di tipo adattivo: ossia, superare ostacoli che implicano un profondo cambiamento delle nostre credenze, della nostra mentalità e delle nostre abitudini.

Troppo spesso ci si focalizza solo sulle prime questioni: si pensa di diventare più organizzati semplicemente acquistando scatole, contenitori e cambiando l’ordine delle padelle in cucina.

Ma non è così. Bisogna affrontare anche gli ostacoli del secondo tipo. Questi sono solo alcuni esempi:

  • lasciar andare ciò che ingombra inutilmente le nostre case
  • non farsi cogliere dalla pigrizia quando è il momento di darsi da fare
  • instaurare delle sane abitudini
  • imparare a procedere a piccoli passi senza pretendere di ottenere tutto e subito
  • rispettare le volontà di chi condivide la casa con noi
  • ecc.

Le questioni di tipo adattivo sono le più difficili da gestire, perché non esiste una soluzione uguale e valida per tutti e perché richiedono una grande forza di volontà. Tuttavia, se si vogliono risultati duraturi, è necessario affrontarle di petto una volta per tutte.

 

Cose belle di casa

Dominique Loreau è una delle mie autrici preferite.

Nel sul libro L’arte della semplicità – tra le varie tantissime cose – ci racconta di come alleggerire le nostre case, eliminando tutto ciò che non ci fa stare bene.

Gli oggetti che possediamo dovrebbero arrecarci piacere, conforto, pace e sicurezza.

Quindi, secondo la Loreau, dobbiamo conservare soltanto:

  • ciò che amiamo davvero;
  • oggetti affidabili e duraturi;
  • cose belle e confortevoli, la cui estetica non è fine a se stessa, ma che risponde alle nostre esigenze (non seguiamo le mode del momento);
  • preferibilmente, oggetti in materiali naturali: cotone, legno, pietra, ecc. I materiali vivi trasmettono calore al cuore e con il tempo assumono sempre più fascino;
  • oggetti che si armonizzino tra di loro e che siano valorizzati da una giusta quantità di spazio libero attorno.

Riassumendo quindi:

  • ripromettiamoci di conservare solo ciò che amiamo veramente, perché il resto non ha senso;
  • non permettiamo alla mediocrità e al passato di invadere il nostro universo;
  • impegnamoci a possedere poco, ma quel poco che sia il meglio.

 

La definizione di bellezza

Mi è piaciuta molta la definizione di bellezza che dà il libro La felicità del meno: Le dieci regole dei monaci per vivere meglio di Maria Chiara Giorda e Sara Hejazi.

Le 2 autrici riconoscono 2 tipologie di bellezza:

  • è bello ciò che è frutto di un’azione di cura da parte dell’uomo, quando nulla viene lasciato al caso e si crea una realtà in armonia con tutto il resto;
  • è bello ciò che è stato creato dalla natura e che l’uomo stesso non può eguagliare.

Ciò che mi fa stare bene di queste 2 visioni, è che sono la dimostrazione che non è necessario andare in vacanza in rinomate località turistiche per trovare la bellezza attorno a noi.

La bellezza si trova ovunque, in ogni momento, in ogni luogo: può essere una pagnotta profumata, un bimbo che ride o un fiore spuntato in mezzo al cemento.

Basta saper guardare, cercare e goderne: la bellezza ci rende più felici.

 

 

I ladri di tempo

Nell’ultimo articolo, abbiamo parlato di come “dire di no”.

Ecco, esiste una particolare categoria di persone a cui bisogna abituarsi a dire di no, tagliar corto e scappare via subito: i ladri di tempo!!

Nel libro Guadagnare un’ora al giorno (e vivere felici), l’autore Michael Heppel individua 4 tipologie di ladri di tempo:

  • i chiacchieroni: ci vorrebbero manipolare per ore con i loro blablabla. Il più delle volte non si tratta di discorsi costruttivi, ma di inutili pettegolezzi;
  • i piagnucoloni, sempre in cerca di alleati. Più gli diamo corda e più tornano da noi per cercare conforto e per sentirsi dire che hanno ragione;
  • i principianti. Ci fanno sentire lusingati nel momento in cui chiedono il nostro aiuto, ma forse è il momento che inizino ad essere un po’ più autonomi;
  • gli storici, che riempiono i nostri pochi momenti liberi con esempi e aneddoti ricchi di particolari.

In tutti e 4 i casi è necessario essere fermi e decisi nell’allontanare i ladri di tempo, ma sempre con gentilezza (l’autore nel libro spiega poi nel dettaglio come trattare ogni tipologia)!

Naturalmente è giusto costruire relazioni, ma siamo noi a dover scegliere le persone con cui “investire” il nostro tempo 😉

4 modi per riuscire a dire di no

Vi parlo nuovamente del libro “Organizza al meglio la tua vita di Tony Crabbe.

In particolare, vorrei condividere con voi i consigli che l’autore dà per riuscire a dire di no davanti a proposte che consumano il nostro tempo e le nostre energie e che noi accettiamo soltanto per mancanza di forza di volontà:

  1. fatevi grandi: è stato dimostrato che mettersi in “posizione potente” rende davvero più coraggiosi. Quindi, puntate le mane ai fianchi, aprite le gambe, mettete petto in fuori e testa in altro (tipo Wonder Woman o Superman, per capirci). Fatelo per un paio di minuti in un posticino nascosto, poi andate a dire il vostro “no” con forza e determinazione;
  2. dite sempre la verità: nel dire il vostro no, non inventate scuse. Per 2 motivi: primo perché le bugie vengono sempre a galla. Secondo perché solo in questo modo metterete bene in chiaro le vostre priorità;
  3. riflettete prima di rispondere: dire di sì è più facile e veloce che dire di no (ma poi ne paghiamo le conseguenze). Quindi – davanti a una proposta di cui non siete convinti – prendetevi il vostro tempo, fate la scelta più opportuna con calma e poi affrontate la conversazione;
  4. negoziate un eventuale “sì”: non sempre siete obbligate a accettare un impegno così come vi viene proposto. Potete dire di no alla richiesta come è stata posta, ma lasciate aperto un “sì” ipotetico se l’altra persona è d’accordo nell’aggiustare le condizioni (ad esempio con le amiche “ok, possiamo fare la festa a casa mia, ma soltanto se ognuna porta qualcosa e se poi mi aiutate a pulire”).