La mia percezione (errata) del tempo

Ho sempre paura che il tempo scorra troppo velocemente, sicuramente a causa di una mia percezione errata.

Ogni volta che devo fare una stima a proposito della durata di qualcosa, sbaglio per eccesso.

Questo – insieme a tanti altri – è uno dei motivi che mi ha sempre portato a procrastinare i lavori di casa. Devo scaricare la lavastoviglie? Uff…ci vuole minimo un quarto d’ora. Devo rifare i letti? Eh, impiego almeno 20 minuti.

E chi aveva voglia di mettersi a fare lavori così lunghi (oltre che noiosi)?

L’utilizzo del timer è stata la mia salvezza. Se per riordinare la cucina la sera calcolo di impiegarci mezz’ora, lo setto sui 20 minuti pensando “mezz’ora è lunga, ma 20 minuti li posso reggere”.

Alla fine, la cosa divertente è che magari dopo 12-15 minuti ho già terminato. ^_^

Insomma, ho sempre rimandato lavori immaginandomeli più lunghi e pesanti di quello che in realtà erano.

Ormai la lezione l’ho imparata e procedo senza timer. Ogni volta, davanti a un nuovo compito penso solo “dai, impiegherai meno di quello che credi”!  E una volta fatto il primo passo (è questa la parte più difficile), procedo tranquillamente finché non ho terminato.

14 pensieri riguardo “La mia percezione (errata) del tempo

  1. Si il timer è davvero un ottima cosa, io do il meglio di me quando sono sotto pressione e con quello,non c’è che dire, si hanno proprio i minuti contati!

    Piace a 1 persona

  2. anche io sotto pressione lavoro meglio e veloce se ho troppo tempo nn faccio nulla ………………..per esempio stamattina mia figlia aveva la febbre quindi ho dovuto chiamare mia mamma lo scenario alle 07.30 era: piatti della sera, cesta piena, letti sfatti, pavimenti cucina e bagno sporchi uno schifo ahhhh ma ieri sera sono crollata con lei!Alle 09:00 avevo fatto tutto pronta per accogliere la mammina che si sa ha sembra un occhio critico!!!quindi quando nn ci arrivo è solo pigrozia………………….

    Piace a 1 persona

  3. assolutamente d’accordo con te! ci vuole meno tempo di quanto si pensi, alla fine…e anche io ho iniziato ad apprezzare l’utilità del timer 😉

    Piace a 1 persona

  4. Io ho la percezione contraria: dai pulisco il bagno, ci vogliono solo cinque minuti… e invece ci impiego un quarto d’ora! 😀

    Mi piace

    1. Almeno questo tuo modo di pensare non ti porta alla continua procrastinazione come accadeva a me. 😉
      Tutt’al più tu rischi di dover lasciare a metà un lavoro con una stanza sottosopra 😱😱

      Mi piace

  5. Io guardo l’orologio solo per regolarmi per la cena, per il resto vedo solo l’orario di inizio delle faccende e l’orario di fine, a testa bassa fino a che l’obiettivo casa pulita non è raggiunto… così si fa senza nessuna distrazione!!!! 🙂 : )

    Piace a 1 persona

I commenti sono chiusi.