L’Habit Plan (semplificato e stampabile) di Leo Babauta

Conoscete Leo Babauta, il celeberrimo autore del blog (in inglese) Zen Habits e di tanti, tantissimi altri libri che io adoro?

 

4 anni fa ha creato un video in cui spiega come usa il suo Habit Plan, uno strumento utile ad acquisire e rafforzare nuove abitudini.

In realtà, il concetto è piuttosto simile ad altri 2 strumenti di cui vi ho già raccontato:

ma ne voglio parlare ugualmente perché offre alcuni spunti interessanti.

 

Potete guardare il video in originale (in inglese), oppure ve lo spiego io con il suo stesso esempio (almeno la prima parte, quella che lui chiama “base”).

habit plan

 

Stampate il vostro Habit Plan (basta cliccare sull’immagine oppure qui per scaricare il pdf) e compilatelo così:

  1. “data di inizio”: molto banalmente, va segnato il giorno in cui volete cominciare a mettere in atto la vostra nuova abitudine;
  2. “abitudine nuova”: si tratta dell’abitudine da voi scelta. Babauta scrive “fare un minuto di stretching ogni mattina”. Fate quello che volete, l’importante è che sia qualcosa di facile e alla vostra portata (eventualmente potete alzare il tiro con il passare del tempo);
  3. “grilletto”: il “grilletto” è quella “cosa” che fa scattare la nuova abitudine. Nel concetto di “ciclo delle abitudini”, il termine inglese trigger viene solitamente tradotto con stimolo, ma io ho preferito lasciare il termine originale. Nell’esempio di Babauta il grilletto è la preparazione della moka per fare la colazione. Deve diventare automatico questo meccanismo: preparo la moka (azione quotidiana a cui sono già abituata) e mentre aspetto che salga il caffè faccio il mio minuto di stretching. In questo modo si àncora una nuova abitudine (nuova e quindi poco stabile) a una vecchia ben salda e collaudata! Questo punto è importantissimo!!
  4. “promemoria”: soprattutto nei primi giorni, in cui potreste dimenticarvi dei vostri buoni propositi, potete mettere un bigliettino con scritto “fai stretching” accanto alla moka;
  5. “giorno di controllo”: periodicamente, ad esempio una volta a settimana, è meglio fare il punto della situazione. Come state andando? Un minuto di stretching è troppo? Oppure troppo poco?
  6. “responsabilità”: assumetevi la responsabilità dell’impegno preso. Condividete il vostro intento con gli amici o su un gruppo Facebook che tratta di argomenti pertinenti e tenete aggiornati tutti con i vostri progressi (o anche con le vostre mancanze);
  7. “obiettivo finale”: deve essere semplice, misurabile e alla vostra portata. In realtà non sarà un vero obiettivo finale, ma il primo di tanti obiettivi intermedi 😉 ;
  8. “il mio assistente”: è quell’amico, socio, parente, chi volete voi, disponibile a darvi una pacca sulle spalle e una parola di incoraggiamento nel momento in cui vi verrà voglia di abbandonare!

 

Per comodità, ho aggiunto sotto la tabellina delle 4 settimane che potrete compilare con le X come in “Non spezzare la catena” o coi colori come nell’Habit tracker.

A voi la scelta!

 

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...