Le aree di miglioramento (+ stampabile)

Mi piace sperimentare insieme a voi stratagemmi e strumenti per migliorare ogni giorno le nostre vite.

Tuttavia, sono così tanti gli ambiti di vita su cui lavorare che a volte è difficile capire da dove cominciare.

Ogni tanto, è bene fermarsi e fare il punto della situazione.

Esiste un diagramma che ci aiuta a riflettere e a farci capire dove siamo più carenti.

aree di miglioramento

Ecco come funziona.

Scaricate e stampate il diagramma delle aree di miglioramento (basta cliccare sull’immagine e salvarla):

aree di miglioramento

 

Ok, ora ad ogni raggio associate un ambito di vita: famiglia, lavoro, denaro, ecc.

e assegnate a ciascuno di essi un punteggio che va da 0 a 10.

Segnate i punteggi sul raggio corrispondente a ciascun ambito (ci sono 10 apposite tacche).

Qui sotto ad esempio ho messo 9 punti alla vita in ambito familiare, 7 al lavoro, 9 alla salute, 7 alla casa ecc…

Capiamo subito così che le aree su cui dobbiamo lavorare sono quelle tendenti al rosso.

 

aree di miglioramento

 

Lo schema però si può usare anche in altri modi, basta usare la fantasia.

Per esempio potremmo usarlo per dare un voto alle stanze della nostra casa, per capire su quali dobbiamo intervenire al più presto.

aree di miglioramento

 

Periodicamente (dopo 3, 6 o 12 mesi) ricordiamoci di ripetere la valutazione, per monitorare tutti i nostri miglioramenti! 😉

 

 

Il Kaizen a casa (+ stampabile)

In occasione della settimana dell’organizzazione del 2017, indetta da APOI (Associazione Professional Organizers Italia), ho scritto un articolo sul metodo Kaizen (in italiano “miglioramento continuo”), utilizzato per rendere più efficiente l’organizzazione aziendale (lo trovate qui).

Ma quando dobbiamo gestire le nostre case, non è un po’ come gestire una piccola azienda?

Pensavo allora a come sfruttare questa semplice tecnica di origine giapponese per migliorare la nostra organizzazione domestica.

Per applicare il Kaizen anche in casa si può procedere così:

  1. identifichiamo le aree su cui ci sembra più urgente intervenire: la gestione delle pulizie? la programmazione dei pasti? l’ordine in casa?
  2. coinvolgendo tutta la famiglia, stabiliamo qual è il primo piccolo passo che si può fare per migliorare la situazione. Va bene anche un cambiamento minuscolo, l’importante è fare qualcosa. Se ad esempio il vostro problema è il disordine, un piccolo passo potrebbe essere: non lasciare le scarpe in giro, ma riporle nella scarpiera;
  3. insistiamo e supportiamoci l’un l’altro in casa finché la nuova regola diventa un’abitudine;
  4. ripetiamo il ciclo daccapo.

Tanti piccoli miglioramenti – uno dopo l’altro – alla fine hanno un grosso impatto sulla nostra vita quotidiana!!

Ed ecco anche una semplicissima tabellina su cui annotarsi i prossimi passi da fare:

kaizen organizzazione domestica