Il 2° anno del mio diario dei 5 anni

L’1 gennaio 2018 ho cominciato il mio diario dei 5 anni.

Sono sempre riuscita a rimanere costante durante il 2018 e scrivere qualcosa tutti i giorni.

Ora, nel 2019, ogni giorno rileggo quello che ho scritto esattamente un anno prima.

Ripensando al 2018, mi sembra di non aver combinato nulla e di non aver mosso alcun passo verso i miei obiettivi.

Invece, rileggendo, mi rendo conto di avere fatti progressi anche se in piccoli passi quasi impercettibili.

Alcuni traguardi che ora do per scontati, un anno fa non lo erano affatto.

Sono anch’io vittima del cosiddetto “adattamento edonistico”: appena ottengo una cosa (materiale o immateriale) nuova le do un sacco di valore e sono felice. Poi mi ci abituo, la novità diventa quotidianità e desidero altro, poi altro ancora.

“La nostra mente ha una certa tendenza a focalizzare l’attenzione su quello che manca, sulle fonti di insoddisfazione, mentre ci soffermiamo poco a riflettere sulle cose che ci danno gioia.”

Marina Innorta – La rana bollita

 

Come vi ho accennato nel post scorso, vorrei iniziare a tenere un bullet journal: sicuramente ci metterò un diario della gratitudine per tenere bene a mente le cose belle che ogni giornata mi regala ❤️‍❤️‍

 

il domani non è promesso a nessuno

 

 

Il mio diario dei 5 anni

Dal 1° gennaio di quest’anno tengo un diario. Racconto quello che mi succede, le mie speranze, i miei sogni, le mie meditazioni e le mie delusioni.

Insomma, come si fa in un qualsiasi diario personale. Ma questo diario non si ferma qui: è programmato per durare 5 anni.

Ad ogni pagina è associato un giorno dell’anno, ad esempio il 25 gennaio. Poi, ciascun giorno dell’anno è suddiviso in 5 parti: nella prima racconto il 25 gennaio 2018, nella seconda il 25 gennaio 2019 e avanti così fino al 25 gennaio 2022.

Inoltre, mi piace decorare le pagine con un tema diverso ogni volta. Ad esempio il 21 e 22 gennaio erano così:

 

diario 5 anni

 

Tenere questo diario mi piace tantissimo perché:

  • segnare ogni giorno quello che succede è uno sfogo e un modo di fare ordine tra le mie idee;
  • nei prossimi anni avrò un confronto diretto con ciò che pensavo, vivevo e ritenevo importante gli anni precedenti e potrò capire in che direzione sto andando;
  • la possibilità di decorarlo mi dà modo di esprimere la mia vena artistica (altrimenti non ho mai occasione di mettermi a pasticciare con carta e colori).

Inoltre, grazie al poco spazio che ho a disposizione ogni giorno:

  • posso concentrarmi su ciò che è stato davvero importante quel giorno;
  • non rischio di scoraggiarmi la sera all’idea di dover riempire un’intera pagina bianca (a volte mi capita di non scrivere nemmeno, ma di attaccare soltanto quello che per me è un ricordo, come il biglietto di un ingresso a teatro o un fiore raccolto in un prato con i bambini).